SITI METAFISICI

Le immagini di Piazza San Marco vogliono richiamarsi allo stile pittorico di Canaletto, ma contravvenendo alle regole che seguiva il famoso pittore: tratto preciso, particolari miniaturizzati, tutto perfettamente a fuoco, ma richiamandosi alla manipolazione della realtà che lui perseguiva cambiando la posizione degli edifici e aprendo nuove vedute per creare la composizione perfetta.

Ho riletto i luoghi più famosi da lui dipinti, in particolare piazza San Marco, con immagini volutamente sfuocate e sovraesposte, volendo così portare alla memoria di chi osserva l’arte della pittura utilizzando il media della fotografia.

Il maestro Giorgio De Chirico rappresenta ciò che è oltre l'apparenza fisica della realtà; alcune sue opere erano caratterizzate dalla ricorrenza di architetture essenziali, proposte in prospettive non realistiche immerse in un clima trascendente e spettrale. Nei vari interni metafisici furono dipinti in quegli anni oggetti totalmente incongrui rispetto al contesto. L'architettura dei luoghi e chi li vive prendono nuova forma. Nella mia percezione fotografica luoghi noti ai molti si trasformano imprimendovi un carattere sovrannaturale. La realtà si trasforma diventando impalpabile ed eterna.